08 Giugno 2021

PUO’ IL PNRR MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI ROMA?

Buzzetti, Presidente del Laboratorio Permanente per Roma di ASPESI: “Fare rigenerazione urbana a Roma è una mission impossible. La legge quadro sulla rigenerazione attualmente in Parlamento è totalmente da cestinare. A Roma occorrono progetti per 500 milioni di euro”

Roma, 8 giugno 2021 - Come ha dichiarato il Presidente del Consiglio Mario Draghi "nel PNRR c'è il destino del Paese”. Per comprendere quali siano le ricadute reali del Piano  che – con progetti per un valore complessivo di 236 miliardi – in maniera diretta o indiretta riguarda la rigenerazione urbana, la manutenzione delle infrastrutture e degli edifici e il governo delle acque, il  Laboratorio Permanente per Roma di ASPESI ha  organizzato un webinar per confrontarsi con esperti in materia.
Paolo Buzzetti, Presidente del Laboratorio - che ha condotto il dibattito - ha evidenziato l’importanza del Recovery Plan anche per Roma e, più in generale, per le città che grazie a programmi di investimento di capitali privati ad integrazione dei progetti finanziati dal Piano potrebbero contribuire in modo consistente al PIL nazionale.
Si è fatto un passo importante nell’ultimo decreto semplificazioni con l’istituzione della cabina di regia  del MIT  che si confronterà con gli enti locali ed in particolare con le Regioni prevedendo interventi di semplificazione per le pubbliche amministrazioni in materia di appalti”, ha affermato Andrea Gallo, esperto di finanza agevolata e progetti Europei Fondatore di FASI.BIZ
Farsi trovare preparati significa avere un ventaglio di iniziative che rispondano ad una traiettoria di sviluppo sostenibile del territorio e della nostra città  con un insieme di proposte interdipendenti e organiche.  Fondamentali saranno le filiere che vedranno coinvolte grandi e piccole Aziende, Istituzioni e Università e dove il comparto dell’edilizia e dell’immobiliare sarà indispensabile”, ha aggiunto Matteo Caroli, Associate Dean della Luiss Business School.
Lorenzo lo Cascio, esperto di Sviluppo Economico e Consulente dell’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, ha illustrato i progetti della  Regione Lazio, fortemente caratterizzati   da innovazione e conoscenza. Tra questi, la nascita del Technopole, con programmi di  didattica di alto profilo, e  la candidatura  per la sede dell’Agenzia sulla ricerca biomedica.
In tema di riforme invece, la Regione ha attivato una formula di conferenza dei servizi semplificata, per velocizzare gli iter amministrativi per le approvazioni dei progetti, in particolar modo quelli relativi agli insediamenti produttivi e che ha già suscitato l’interesse di grandi gruppi internazionali.
  “Occorre un quadro normativo di  governo del territorio semplice,  che coniughi lo sviluppo e la crescita delle città con la  tutela dell’ambente”, ha aggiunto Laura Ricci, Direttore del Dipartimento di Pianificazione Design  Tecnologia dell’Architettura  dell’Università  La Sapienza.
E’ indispensabile attuare una riforma del titolo V – ha concluso Paolo Buzzetti - che semplifichi le sovrapposizioni di competenze tra Stato, Comune, Regione e Ministeri in materia urbanistica. Fare rigenerazione urbana a Roma è una mission impossibleLa legge quadro sulla rigenerazione attualmente in Parlamento è totalmente da cestinare. A Roma occorrono progetti per 500 milioni di euro e soprattutto il progetto Roma Caput Mundi, che include anche il restauro  delle Mura Aureliane che il Laboratorio Permanente di ASPESI promuove dal 2018 con un grande progetto che prevede l’intervento del capitale privato in aggiunta al contributo pubblico, proprio in quell’ottica di filiera prevista del PNRR”.
 La registrazione integrale dell’incontro è visibile sul canale YouTube ASPESI TV, con accesso libero al seguente link.
Contattaci
Compila il form per maggiori informazioni
Sarai ricontattato al più presto
Invia richiesta