26 Giugno 2024

Aggiornamento sulle proposte di legge in materia di rigenerazione urbana
Sale a otto il numero delle proposte di legge in Parlamento in materia di rigenerazione urbana.
 

Sale a otto il numero delle proposte di legge in Parlamento in materia di rigenerazione urbana. Ultimi ad aggiungersi all’elenco il ddl del 30 aprile presentato da Andrea De Priamo, senatore di FdI e membro della Commissione Affari Costituzionali e quello del 7 maggio presentato da Mariastella Gelmini.

Aggiornamento sulle proposte di legge in materia di rigenerazione urbana
Sale a otto il numero delle proposte di legge in Parlamento in materia di rigenerazione urbana.
Ultimi ad aggiungersi all’elenco il ddl del 30 aprile presentato da Andrea De Priamo, senatore di FdI e membro della Commissione Affari Costituzionali e quello del 7 maggio presentato da Mariastella Gelmini.
Di seguito, in ordine cronologico di presentazione, riferimenti e testi.
 
DDL 29 “Misure per la rigenerazione urbana”, presentato in data 13 ottobre 2022, di iniziativa di Franco Mirabelli (PD-IDP)
 
DDL 42 “Disposizioni per il contrasto al consumo di suolo e per promuovere il riuso e la rigenerazione urbana”, presentato il 13 ottobre 2022, iniziativa di Anna Rossomando (PD-IDP)
 
DDL 761 “Disposizioni in materia di rigenerazione urbana”, presentato il 15 giugno 2023, di iniziativa di Maurizio Gasparri (FI-BP-PPE)
 
DDL 863 “Disposizioni in materia di rigenerazione urbana”, presentato in data 7 settembre 2023, iniziativa di Mario Occhiuto (FI-BP-PPE)
 
DDL 903 “Disposizioni in materia di rigenerazione urbana”, presentato il 10 ottobre 2023, iniziativa di Marco Dreosto (LSP-PSd'Az)
 
DDL 1028 “Rigenerazione urbana e uso sostenibile del suolo”, presentato il 20 febbraio 2024, iniziativa di Elena Sironi (M5S)
 
DDL 1122 “Disposizioni in materia di rigenerazione urbana”, presentato il 29 aprile 2024, iniziativa di Andrea De Priamo (FdI)
 
Ddl 1131 “Disposizioni in materia di politiche, programmi e interventi di rigenerazione urbana”, presentato il 7 maggio 2024, iniziativa di Mariastella Gelmini (Misto, Azione-Renew Europe)
 
La discussione congiunta dei disegni di legge è proseguita il 18 giugno scorso, dopo la sospensione del 15 maggio. A seguire il resoconto.
Il relatore ROSSO (FI-BP-PPE) illustra il disegno di legge n. 1131, d'iniziativa della senatrice Gelmini, che si compone di 7 articoli.
L'articolo 1 introduce il Programma nazionale per la rigenerazione urbana, da realizzare attraverso i progetti e i piani previsti a tale scopo dal PNRR e dal Piano nazionale per la rigenerazione urbana.
L'articolo 2 individua i principi fondamentali in materia di rigenerazione urbana ai quali si devono conformare l'attività legislativa delle Regioni e l'attività amministrativa dei restanti enti territoriali.
L'articolo 3 prevede che la pianificazione urbanistica debba promuovere la rigenerazione e la riqualificazione delle aree e degli edifici esistenti e che i comuni debbano perseguire la qualità progettuale degli interventi di rigenerazione e riqualificazione urbana anche attraverso i concorsi di architettura e i processi di progettazione partecipata.
L'articolo 4 dispone che possano essere previsti incrementi volumetrici per interventi di rigenerazione urbana, nonché ai fini di promuovere programmi di edilizia residenziale per gli studenti e di edilizia sociale.
L'articolo 5 reca disposizioni volte a semplificare il contenuto degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica.
L'articolo 6 reca una serie di novelle al Testo unico dell'edilizia, in materia, tra l'altro, di stato legittimo degli immobili, determinazione delle variazioni essenziali, interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire, tolleranze costruttive, alcune delle quali incidono su disposizioni toccate anche dal decreto-legge "casa", attualmente all'esame della Camera dei deputati.
L'articolo 7 disciplina l'entrata in vigore.
Alla luce di quanto riferito dal relatore, il PRESIDENTE propone la congiunzione del disegno di legge n. 131 con i disegni di legge nn. 29, 42, 761, 863, 903, 1028 e 1122.
La Commissione conviene.
Il seguito della discussione congiunta è rinviato.