23 Maggio 2022

Piemonte - Approvata la PDL 125 sulla rigenerazione urbana

Regione Piemonte

Il recupero dei fabbricati per evitare l’eccessivo consumo di suolo, le ristrutturazioni edilizie, l'utilizzo dei rustici, dei locali sottotetto e dei seminterrati, la delocalizzazione dei fabbricati costruiti in aree a rischio idrogeologico, le premialità e le agevolazioni per i cittadini, le competenze dei Comuni in rapporto con i Piani regolatori: sono i principali argomenti della nuova legge approvata oggi a maggioranza dal Consiglio regionale (27 si e 16 no).


La nuova norma sull’urbanistica e le ristrutturazioni edilizie - identificata in questi mesi come Pdl Semplificazione urbanistica - che modifica le leggi regionali 56/1977, 16/2018 e 13/2020 è legge dopo mesi di accesa discussione tra maggioranza e opposizione, prima in Commissione e negli ultimi mesi in Aula.


La nostra proposta di legge - spiega nel dettaglio Marin - interviene modificando la legge 16 del 2018, non prevedendo più che tutti i progetti di recupero e rigenerazione urbana debbano essere esaminati dai consigli comunali. E’ un provvedimento che di fatto coinvolge l’intero patrimonio urbanistico con la possibilità di recupero di tutti i volumi esistenti, anche di edifici crollati ma che possono essere ancora ristrutturati o ricostruiti. Inoltre introduce tempi certi nella risposta da parte della pubblica amministrazione e consente la demolizione di edifici in aree pericolose, ad esempio esondabili o franose, spostando però i volumi in zone più sicure già individuate dai piani regolatori. Se poi si naturalizza il sedime dell’edificio demolito c’è la possibilità di ottenere premi di cubatura a compensare i maggiori costi”. 


 


Per gli edifici costruiti prima del 1975 - aggiunge ancora Marin - c’è poi la possibilità di mantenere delle altezze utili interne ridotte. In questo modo in edifici storici, come possono essere cascine o baite, si potranno evitare le demolizioni dei solai e con esse costi spesso molto elevati, al punto da disincentivare il recupero dei volumi”.


 


Una legge di cui il Piemonte sentiva veramente la necessità - conclude Marin -, intervenendo anche con varianti di piano regolatore che semplificano le procedure. Un provvedimento che si ispira quindi ai principi del semplificare tutto ciò che è semplificabile, ovviamente nel rispetto nelle leggi, e del dare tempi certi alle risposte della pubblica amministrazione in materia edilizia. E non mi resta che ringraziare la giunta, i colleghi di maggioranza e d’aula e il gruppo di lavoro di professionisti del mondo reale che ci hanno permesso di raggiungere questo traguardo”. 


 


Come Lega siamo contenti di votare una legge che riscrive la materia urbanistica in Piemonte - ha proseguito Alberto Preioni - mettendo al centro il riuso per il recupero delle migliaia di borgate del nostro Piemonte. Una legge che parla ai piemontesi, a coloro che posseggono una baita o una cascina purtroppo troppo spesso abbandonate e che ora possono essere finalmente recuperate, salvaguardando un patrimonio storico e architettonico unico. Una legge che difende il suolo e previene il rischio idrogeologico, permettendo il trasferimento di cubatura degli immobili minacciati da frane o in aree esondabili. Questa è la realtà: perché il Piemonte non è soltanto il centro di Torino. E se c’è qualcuno che le case le vuole tassare inseguendo qualche ‘euro-follia’, noi vogliamo consentire a un cittadino di recuperare uno spazio per lasciare un appartamento ai propri figli”. 


 


Approviamo la PdL 125 dopo un lungo lavoro in commissione e in aula - conclude il leghista Fabio Carosso -, una legge che in tema di riuso e riqualificazione edilizia introduce tante opportunità di semplificazione. Viene modificata la legge 16 del 2018 agevolandone l’applicazione in particolare per quanto riguarda il recupero dei sottotetti e dei rustici. Un provvedimento regionale che anticipa un provvedimento nazionale per valorizzare il recupero e il riuso di edifici esistenti”.


 


Proposta di legge regionale 125 presentata il 16.12.2020

Contattaci
Compila il form per maggiori informazioni
Sarai ricontattato al piĆ¹ presto
Invia richiesta